Moda e stile negli anni 30

Curve, forme e sensualità!
Gli anni 30 si scrollano di dosso tutto quel geometrismo e quella schematizzazione sartoriale tipica del decennio precedente.

Si predilige ora un figurino di donna sensuale, aggraziato e femminile: torna in voga il punto vita, sempre più marcato da cinte e cinturini; gonne e abiti contornano la silhouette, non più fino al ginocchio ma arrivano a sfiorare le caviglie.
La crisi del ’29, con la conseguente depressione economica americana e mondiale, riporta le coscienze sul piano terreno e territoriale: non più ritmo e frenesia, non più movimento ascensionale verso l’alto, ma percezione della realtà tangibile, della quotidianità e delle reali capacità umane.
Un sterzata verso uno stile perduto insomma, più austero ed elegante, senza però dimenticare le novità appena scoperte in campo industriale: i nuovi tessuti artificiali (il nylon, ad esempio, preferito alla seta molto più costosa) fanno sì che si possano realizzare dei capi totalmente innovativi e alla portata di tutti.
Impazzano calze e collant in nylon, accessibili a qualsiasi tasca, da indossare sotto gonne ampie e piene di pieghe, abbinate a camicette o maglioncini.
I vestiti tornano a giocare un ruolo di eleganza femminile, accompagnando alcune forme e lasciandone scoperte altre: nasce un nuovo modello accattivante e sensuale (tutt’oggi ancora in auge e di gran classe) che mostra le nudità della schiena, manifesto di una nuova donna più matura, più consapevole di se e del suo fascino.
Immancabile, sotto tanta sensualità, la scarpa col tacco, che torna a slanciare le forme: niente più comodità, la scarpa per la donna è un accessorio che completa il suo nuovo look voluttuoso.
A completamento di tanta consapevolezza non poteva mancare la novità del momento, portata con fierezza e orgoglio, da una delle attrici più famose dell’epoca: i pantaloni alla Marlene Dietrich. La diva si presentò in smoking ad una prima cinematografica, creando un polverone di scalpore e ponendo le basi per una nuova e longeva moda che da quel momento non avrebbe mai più abbandonato il guardaroba femminile.
I cappelli tornano a conquistare spazio con le loro visiere più ampie, mentre caldi e morbidi colli di pelliccia si adagiano sui cappotti invernali, modellati a spalla larga e con costretti da cinte sul punto vita.
I capelli sono categoricamente pettinati con la riga laterale e accompagnati da onde statiche che ricordano quasi un’acconciatura scultorea; il trucco mantiene il suo rossetto rosso, abbinato alla matita nera per gli occhi che non mostrano più quel velo di tristezza del decennio precedente: più pulito è lo sguardo, più minimalista, intento a mostrare quanto ha da dire questa nuova donna anni 30, e non cosa ha da nascondere.

modaestileanni30modaestileanni30

 

 

 

 

 

 

 

 

modaestileanni30modaestileanni30

 

 

 

 

 

 

 

modaestileanni30

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...