Una serata horror con i Vega Progetto Musical

Chi non ha mai visto il celebre musical “The Rocky Horror Picture Show“? Quale generazione non ha danzato sulle note di Time Warp (di Richard  O’Brien)? Chi non ha mai voluto sdraiarsi su quel meraviglioso divano a forma di labbra rosse stampato sulla locandina del film?

Il 31 ottobre 2012, la notte di Halloween come tutti la conosciamo, alcuni cinema d’Italia hanno avuto la brillante idea di proiettare il famoso musical per festaggiare la “notte dei morti”. Abbiamo avuto quindi il piacere di assistere, nelle sale del Cinema Lux di Roma, ad una combinazione perfetta di horror e divertimento: non solo la proiezione in lingua originale del musical (pellicola del 1975), ma anche la frizzante performance live della Compagnia Vega Progetto Musical. Così tra una canzone e l’altra, una scena e un monologo, gli attori (senza parlare realmente, ma mimando solo le scene del film, illuminati da grandi occhi di bue all’interno della sala) catapultavano gli spettatori nel film, rendendoli una cosa sola col musical.
Suggestivi – oltre i boa di struzzo cortesemente offerti da Magenta nel foyer! – i trucchi, i vestiti e le imitazioni degli attori in sala, tanto da coinvolgere gli spettatori sulle note di Time warp che, uniti in un unico coro, si sono dilettati nella danza.

Una chicca divertente, purtroppo non sempre seguita, è stata l’idea di associare ai nomi dei protagonisti degli aggettivi che li caratterizzavano scherzosamente: così, ogni volta che in una scena del film si presentava Brad Majors il pubblico era subito pronto ad urlare un bel “a cojone!”, mentre per Janet Weiss si udiva subito un “a trucida”!

Insomma, una serata di Halloween diversa dalle altre, divertente e dissacrante.
Molto apprezzato il tentativo di unificare in una sola cosa due differenti arti visive, quali cinema e teatro, spesso troppo divergenti tra loro: se da un lato il cinema riesce, anche se sempre meno negli ultimi anni, ad incollare lo spettatore alla poltrona (prima che allo schermo), lasciando indelebili nella mente ricordi di emozioni, dall’altro il teatro dona, a chi lo vive, un’emozione visiva inconscia, che spesso la si immagina più fievole rispetto al cinema, ma che ritorna alla mente sottoforma di quotidianità. L’idea proposta presso il Cinema Lux ha certamente lasciato una traccia delle due emozioni.

Bisogna osare se si vogliono demistificare le vecchie convinzioni, e il Dr. Frank-N-Furter ne sa qualcosa a riguardo!

La compagnia Vega Progetto Musical

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...